Istituto Fernando Santi                                                 



EVENTI
ANCHE QUEST'ANNO LA SUGGESTIVA PROCESSIONE DELLA DOMENICA DELLE PALME A BOVA.

Domenica delle Palme a Bova Come ogni anno la città di Bova commemora l'ingresso di Cristo a Gerusalemme, con la suggestiva Processione della Domenica delle Palme. L'antico rito, di cui si ignorano le origini, consiste nel realizzare Palme a forma di figure femminili, intrecciate con foglie di ulivo e addobbate con fiori, frutta e primizie.

Una processione rara, diversa da tutte le altre, in cui la partecipazione religiosa dei fedeli emoziona quanto le suggestione che emanano questi simboli della cultura popolare grecanica.

Domenica 24 Marzo 2013, alle ore 10:00, le ancestrali sculture vegetali si riuniranno in Piazza Roma a Bova per giungere in corteo al Santuario di San Leo, dove saranno benedette. Da qui sfileranno in una sacra processione per le vie medievali del borgo fino ad arrivare nella Concattedrale dell'Isodia, riaperta al culto dopo quindici anni di restauri. La liturgia della Domenica delle Palme di Bova, tornerà quindi a celebrarsi nell'edificio in cui nel 1572 si mise fine al rito greco e s'intraprese la latinizzazione dell'intera diocesi. Un luogo pieno di fascino, testimone della storia bovese e dell'antica tradizione di costruire sagome femminili per celebrare la Domenica delle Palme.

In questa straordinaria processione i temi della Pasqua Cristiana nascondono, infatti, tracce di feste liturgiche del mondo ortodosso bizantino, ma anche ricordi di universi ancora più lontani, radicati nel contesto rurale delle comunità grecaniche di questi versanti aspromontani. Le Palme di Bova commemorano i riti di passaggio dall'inverno alla primavera, il ciclo della vita, la fertilità dei campi e il rapporto di Bova con le campagne circostanti. Un evento ricco di stratificazioni simboliche in cui non mancano riferimenti ai miti dell'Aspromonte Greco, alle figure mitologiche di Demetra e Persefone, alle grandi madri del Neolitico, senza escludere le entità femminili che sopravvivono nella tradizione contadina della Bovesia in cui la donna, occupa sempre un ruolo centrale. Significative in tal senso solo le immagini femminili in alcuni dolci ('ngute), e formaggi (musulapare) che si preparano nel periodo pasquale. Emblematica è la leggenda della fondazione stessa della città di Bova ad opera di una regina, la cui impronta è impressa sulla rocca del castello.

Le palme di Bova sono quindi il simbolo più significativo della cultura magno greca e bizantina dell'Area Grecanica, soprattutto della sua viscerale vocazione rurale. Ma il rito pasquale ha anche il primato di incarnare la rinascita stessa di Bova, il quale negli ultimi anni ha saputo recuperare non solo il suo centro storico ma anche un tassello della propria identità, mantenendo inalterato il valore spirituale e religioso delle sue tradizioni. Il rito delle Processione delle Palme è una finestra dalla quale osservare combinazioni e mescolanze di miti e tradizioni, mondi lontani e sotterranei, sincretismi religiosi e culturali, mitologie antiche e moderne.

Come vuole la tradizione le figure antropomorfe lasceranno la Concattedrale dell'Isodia per portarsi verso le ore 12:00 in piazza Roma, dove verranno smembrate. Ogni singola parte che costituisce la palma, detta "steddha", verrà quindi offerta ai fedeli, nella meravigliosa cornice dell'agorà di Bova.

Alla festa religiosa seguono gli eventi organizzati dal Comune di Bova in collaborazione con l'Ente Parco Nazionale dell'Aspromonte, la Parrocchia di San Teodoro, il comitato provinciale delle Croce Rossa Italiana di Reggio Calabria, sede locale di Bova. Al termine del rito, promosso anche grazie l'Assessorato alla Cultura delle Regione Calabria e patrocinato della Provincia di Reggio Calabria saranno offerti i dolci tradizionali pasquali "ngute" mentre alle ore 17:00 si terrà un convegno presso Palazzo Mesiani Mezzacuva, all'interno del quale è allestita una mostra sul rito pasquale bovese. L'incontro, dal titolo, "Natura sacra: i riti della Settimana Santa nell'Aspromonte Greco", è un occasione per esaminare la processione bovese ma soprattutto per contestualizzare l'evento religioso all'interno della Settimana Santa dell'Aspromonte, al fine di mettere in luce, le matrici comuni che fanno di questi riti un momento di grande interesse spirituale ma anche un volano culturale di respiro internazionale. Ai saluti del Sindaco di Bova, Santo Casile, del Vicesindaco  Gianfranco Marino, e di Antonio Alvaro, Presidente del Parco Nazionale dell'Aspromonte, seguiranno gli interventi della dott.ssa Anna Maria Zurzolo, redattrice, per la provincia di Reggio Calabria, degli itinerari religiosi nell'Aspromonte, della dott.ssa Rossella Agostino, responsabile della Soprintendenza dei Beni Archeologici della Calabria; di Fulvio Librandi, docente di Antropologia presso l'Università della Calabria, dell'antropologo Roberto Lucifero, direttore Centro Studi Cappella Orsini, Antonio Blandi, editore, Pasquale Faenza, Conservatore dei Beni Culturali e Storico dell'Arte.

Nell'ambito del convegno, in cui sarà presentato per la prima volta il video sui "Misteri" di Cittanova, il Sindaco di Bova omaggerà di una Palma il comune di Bova Marina al fine di ribadire le comuni origini dei due centri. Il bene etnografico sarà esposto presso il Centro di Documentazione del ParcoArcheoderi, dov'è parte integrante di un allestimento museale che pone la Palma di Bova a simbolo della minoranza storico linguistica dei Greci di Calabria. All'incontro saranno partecipi i sindaci di tutta l'area grecanica.


Fonte Associazione Apodiafazzi

 


 N o t i z i e
  Nella riforma del terzo settore va data risposta anche alla volontà di rinnovamento delle associazioni degli italiani nel mondo.*  04/07/2014

Articolo

  Continua ...
  Intervista a Rino Giuliani vicepresidente dell’Istituto Fernando Santi  17/06/2014

D. Con la riunione della settimana scorsa a Roma presso la Domus Mariae le associazioni che hanno promosso l’organizzazione degli Stati Generali degli italiani nel mondo mostrano di voler accelerare i tempi . Da cosa nasce questa idea e quali sono gli obiettivi? R. La decisione di indire gli stati generali dell’associazionismo degli italiani nel mondo nasce alla fine di un processo che si è sviluppato in modo autonomo ed all’interno del mondo associativo. Il processo è stato lungo e si è intersecato con altre esigenze di rinnovamento restate irrisolte riguardanti diverse componenti dell’articolata realtà degli italiani nel mondo. E’ stata una crisi di identità che ha toccato tutti nel momento in cui è venuta meno, anche fra di noi, la condivisione dei principi fondanti largamente condivisi nella ultima Conferenza mondiale degli italiani all’estero. Sbagliando si è fatto prevalere il principio “ognuno per sè e Dio per tutti”. Noi vogliamo ridiscutere le ragioni che intendiamo mettere alla base dell’unitarietà nell’azione, mirando ad un protagonismo dell’Italia che è fuori dai confini nazionali. Intendiamo farlo sia dalla madrepatria che dai paesi in cui vivono ed operano le nostre comunità, agendo sul terreno specifico e peculiare delle associazioni che sono plurali nei fini ma che hanno anche un loro ampio comun denominatore.

  Continua ...
  A ROMA LA RIUNIONE DEL COMITATO ORGANIZZATORE DEGLI STATI GENERALI DELLE ASSOCIAZIONI ITALIANE NEL MONDO   14/06/2014

ROMA\ aise\ - Mercoledì scorso presso la Domus Mariae a Roma si è riunito il Comitato organizzatore degli Stati Generali delle associazioni italiane nel mondo. Composto – ad oggi – da Acli, Filef, Istituto Fernando Santi, Migrantes, Ucemi e Unaie (comitato promotore), Anfe, Aitef, Cser, Uim, Abruzzesi nel mondo, Faes, Lucchesi nel mondo, Pugliesi nel mondo, Usef, Fai, Fiei, Forum Giovani e Coordinamento delle Consulte regionali dell’emigrazione – il Comitato ha deciso di indire gli “stati generali” alla fine di un processo che si è sviluppato in modo autonomo all’interno del mondo associativo. “Il processo di autonomia delle associazioni nazionali – ricorda il Comitato organizzatore - è cresciuto ed è stato garantito negli ultimi dieci anni a fronte del crescere del protagonismo dei partiti politici interessati sopratutto ad una semplificazione della rappresentanza, a fronte dei rischi del localismo e della inconcludenza, lungo tre legislature, delle iniziative parlamentari a costo zero che avrebbero potuto dare legittimo riconoscimento alle associazioni degli italiani nel mondo. Il mondo è cambiato e con esso è cambiato e sta cambiando il volto delle vecchie associazioni italiane. I giovani nelle nostre comunità sono stati e sono forte elemento propulsore del rinnovamento associativo”.

  Continua ...