Notizie dall'Italia SantiNews

“Il Mio Paese” – Gino Bloise

Pasquale Cersosimo parla di Gino Bloise poeta:

“Il Mio Paese” (Gino Bloise) considerata da molti il manifesto politico di Gino Bloise, la poesia “Il mio paese” mostra uno spaccato della terra del poeta, terra ricca di storia e di tradizioni, fatta di retaggi e le credenze popolari. Con questa poesia Bloise prende consapevolezza dell’esistenza di una classe dirigenziale legata all’Ancien Régime, incapace di offrire uno scatto di orgoglio alla sua gente. ù

Nel 1974 viene riedito il Mio paese. In quell’occasione Leonardo Alario traccia le coordinate della poetica di Bloise scrivendo: “nel diretto contatto con l’animo della gente umile; nell’ansia di cogliere il dramma di un popolo che usciva sfinito ed affamato dalla terribile esperienza della guerra, e che pur tuttavia proprio da quella esperienza traeva il lievito vivificatore per prendere coscienza di sé, della propria realtà, della propria umanità, e per iniziare quella lotta per i diritti umani e civili che trovava i suoi giorni più esaltanti nel grande movimento contadino per la conquista della terra; nella esperienza della partecipazione diretta all’epopea di un popolo risorto, di un bracciantato ormai privo di ogni timore, e lasciato verso la giusta reazione ad una ingiustizia sociale, sono da ricercarsi i motivi di ispirazione della poesia del Bloise, che della sua attività di uomo politico e della sua attività di poeta ha saputo fare un tutt’uno sicché riesce difficile individuare gli esatti confini tra i sentimenti di Bloise poeta e le convinzioni di Bloise politico”. Luigi “Gino” Bloise (Cassano allo Ionio, 16 marzo 1926 – Roma, 6 giugno 2001) è stato un giornalista, politico, poeta ed esperto di scienza dell’educazione italiano. Esponente del Partito Socialista Italiano, ha ricoperto diversi incarichi politici ed amministrativi: Sindaco del Comune di Cassano allo Ionio per quindici anni, Senatore della Repubblica per due legislature, vice Presidente della Cassa di Risparmio di Calabria e Lucania; ha poi diretto e condotto studi e ricerche, quale presidente del Laboratorio di educazione permanente, sui sistemi scolastici nazionali ed esteri, sul fenomeno dell’emigrazione e sulle minoranze linguistiche. È stato segretario Generale e Presidente dell’Istituto Ferdinando Santi e direttore della rivista “Avanti nel Mondo” per la quale ha curato per “Europaforum” gli speciali – Regioni. Il Progetto “Voci fuori dal Coro”, ideato dall’Associazione di Promozione Sociale “Palazzo Viafora” di Cassano Ionio e curato dal Dr. Pasquale Cersosimo, intende promuovere il patrimonio culturale cassanese con l’ausilio di alcune poesie del poeta cassanese Gino Bloise, che del paese raccontano miti e leggende. Il progetto mira alla valorizzazione del patrimonio culturale, valorizzazione intesa come conoscenza di storie e luoghi della nostra città, per attrarre sia l’attenzione del turista visitatore ma anche e soprattutto per stimolare l’interesse della cittadinanza alla riscoperta e quindi, alla valorizzazione di queste storie e di questi luoghi. Il Progetto “Voci fuori dal Coro”, ha anche una valenza sociale, dal momento che ha coinvolto nelle letture delle poesie un giovane cassanese agli arresti domiciliari, Giuseppe Campolongo, che negli anni di reclusione presso la Casa Circondariale di Castrovillari ha preso parte a diversi laboratori di scrittura, che hanno portato alla pubblicazione di due libri di poesie. Il Progetto “Voci fuori dal Coro”, è stato finanziato dall’Amministrazione Comunale di Cassano allo Ionio, Assessorati alla Cultura e Marketing Territoriale, che si è avvalsa di un ulteriore strumento per promuovere e far conoscere il territorio.

Cliccando sull’immagine sottostante è possibile ascoltare la Poesia “Il Mio Paese” di Gino Bloise:

Leave a Comment