Emigrazione

Lavoro: dal 2008 al 2016 mezzo milione di italiani sono andati all’estero

Vi proponiamo un articolo apparso sul sito www.regioni.it il 21 giugno scorso relativo ai dati forniti dall’Osservatorio statistico dei Consulenti del lavoro relativamente ai flussi migratori italiani per lavoro degli ultimi anni.

Esodo di 383.000 lavoratori da Sud a Centro-Nord

La crisi economica è costata all’Italia anche la migrazione di molti nostri giovani. Mezzo milione di italiani sono andati all’estero a cercare lavoro e l’hanno trovato. I dati provengono da un rapporto dell’Osservatorio statistico dei Consulenti del lavoro.
Sono 509.000 i connazionali che si sono cancellati dall’anagrafe per trasferirsi all’estero per motivi di lavoro nel periodo 2008-2016.
La prima meta degli italiani è stata la Germania, dove nel solo 2015 in 20.000 hanno trasferito la residenza; al secondo posto, ‘in forte crescita’, la Gran Bretagna (19.000) e poi viene la Francia con oltre 12.000 nostri migranti.
Nello stesso periodo la disoccupazione nel Mezzogiorno “ha prodotto un aumento di 273.000 residenti al Nord e di 110.000 al Centro”. In totale sono 383.000 persone che sono andate via dalle regioni del Sud per motivi di lavoro.
I flussi migratori più intensi hanno interessato di più le seguenti regioni: Campania (-160.000 iscritti all’anagrafe dei comuni), Puglia e Sicilia (-73.000).
Mentre le regioni che hanno ricevuto il numero maggiore di cittadini per motivi di lavoro sono Lombardia (+102.000), Emilia-Romagna (+82.000), Lazio (+51.000) Toscana (+54.000).
Spostarsi verso una provincia confinante a quella di residenza per svolgere un’attività lavorativa “comporta un aumento dello stipendio medio di circa 181 euro (+14% rispetto a coloro che lavorano nella provincia di residenza)”.
Se invece si va a all’estero, la differenza fra il salario medio di chi opera nella stessa provincia di origine e di chi emigra per lavorare “supera i 500 euro (+43,8%)”.
Negli ultimi due anni (2015 e 2016) la ripresa dell’economia e le politiche di riduzione del costo del lavoro a tempo indeterminato hanno prodotto un incremento dell’occupazione (+458 mila persone), che è stato colto soprattutto da 4 regioni che hanno recuperato i livelli occupazioni pre-crisi: il Lazio, il Trentino Alto Adige, la Lombardia e l’Emilia-Romagna.

Saldo cumulato di Iscritti e cancellati per trasferimento di residenza interregionale – Anni 2008 – 2015

Anno                      2008          2009          2010          2011          2012          2013          2014        2015

Nord                      43.655       72.904      102.331     138.956     178.053    209.944    239.331    273.394

Piemonte               2.820        5.026        7.606         10.583       15.558      18.606       20.562      23.570

Valle d’Aosta        -148           -368          -435            -371           -47            277             346            252

Lombardia            11.404      19.995      31.816        46.054       61.362      75.893       89.153       102.846

Trentino-A.A       2.191         4.364        6.802        9.562          12.811      15.753         18.367       20.942

Veneto                   5.208       7.718         9.079        11.414         13.321       13.727        15.534        18.663

Friuli-V.G.            2.650       4.351         5.780       7.542         10.006       12.001       13.493       14.943

Liguria                  1.644      3.309         4.550       6.375           7.363          7.926        8.664         9.800

Emilia R.              17.886    28.509      37.133      47.797        57.679        65.761      73.212       82.378

Centro                  12.951      26.447      39.511      54.114        75.999        87.564      99.543      109.796

Toscana                5.709      11.846       17.884     23.785      31.066          35.716       40.673     45.843

Umbria                 2.050     3.900        5.551         6.238       7.198             6.998        6.957        7.184

Marche                 3.361     4.539         4.681         5.437        5.577             4.628        4.699       4.988

Lazio                     1.831      6.162         11.395       18.654      32.158          40.222      47.214      51.781

Mezzogiorno       -56.606  -99.351   -141.842    -193.070  -254.052    -297.508   -338.874   -383.190

Abruzzo                1.348      992          1.191           1.432        1.646            1.798             1.186        179

Molise                   -89         -329         -692            -698         -983            -1.310           -1.804       -2.546

Campania            -26.991  -44.144   -62.779       -85.760    -112.683    -130.592      -145.648    -160.662

Puglia                    -10.638  -19.281  -27.065      -36.806    -48.764      -57.388       -65.370      -73.381

Basilicata              -2.384    -4.860   -6.904       -8.334      -10.191        -11.518        -13.188       -14.923

Calabria                -7.557    -13.695  -20.018     -27.300   -36.079       -42.635        -48.151      -54.474

Sicilia                    -10.456  -17.628 -25.056     -34.322    -44.876       -53.311       -62.672       -73.434

Sardegna               161         -406      -519            -1.282      -2.122          -2.552        -3.227         -3.949

Fonte: elaborazione Osservatorio Statistico dei Consulenti del Lavoro su dati Istat (Iscrizioni e cancellazioni all’anagrafe

per trasferimento di residenza)

Leave a Comment